POESIE

di

 

 


Rosetta Boniforti

Al Funtanin

di Rosetta Boniforti

(poesia del 2005 in occasione dell'inaugurazione del nuovo fontaline, testo aggiornato a giugno 2012)

 

Chi a quatar pass ghe la Casinèta
in dué ca ghe nasü la mia mameta.
Evan növ fradei tra tusan e fiö
fevan vundas cunt al pa' e la mam
ed evan sempar pien da fam.
Ma la necesità la gusa l'ingegn 

e ala sira vignevan al fontanin 

cunt un bel redin, 

al metevan gio in sula riva ala surgent 

e ala matina prest al tirevan sü 

pien da pesit d'argent!

A ca gheva prunta la padèla 

bela sbruienta prunta da fai rustì

e cunt una fèta da pulenta per ün 

a ringrazievan al Signur,

e quela sì leva una bela culaziun!

E quand sevi una tusa mi 

ala dumeniga da basura

 cunt i tusan dal'uratori e la suora Superiura 

vignevum al funtanin a catà i viör

a cur su e giò dala surgent 

cantevum e sevum tut cuntent

alura gheva no pericul da incuntrà,

 i malvivent!

Ala sira però quei puse baloss 

vignevan a passeggià al chiaro di luna

e al funtanin al diventeva la Costa Azzura.

Mi però sum mai vignü

ma la matina dopu ma disevan un quei ghidün

"oh Rusèta sa ta ghe perdü!"

Po',  va tola ti ma le restà 

al funtanin pù nisun ga pensaa. 

Ma un bel dì,  quei dal Prisma e i casciadur 

in dal parlà s'in dumandà

"Ma al funtanin che fin la fa?"



Insema cunt bona vuluntà sin metu dre

a cercà,  a scavà, e a netà, en trua dal tütt, 

rifuiti, ruedigh, gramegna, rubin ingarbia insema

al'edera, ma ala fin l'en trua e la surgent le risuscitaa. 

En lauraa un po' tucc e guarda che meraviglia

 ch'en metu chi,

certo ghe vürü un bel po' da dané

dal Cumun dala Pruincia, e la Regiün

che ala fin,  ghi dem anca mò nünch!


E se in quest'ann la ma dumandarà la solita zabèta: "In due ca ta ve a fa i feri o Rusèta?" Go la risposta prunta. "A vò in Costa Azzura insema ad altra gent, a rimirà al funtanin che in dala sua surgent ghe riturnà a sguisà tanti pesit d'argent!

Il Fontanile

di Rosetta Boniforti

(testo in italiano di Tiziana e Giorgio)




Qui a quattro passi c'era la Cascitetta

dov' era nata la mia mammetta.
Erano nove fratelli tra maschi e femmine
in totale undici con mamma e papà ed erano sempre affamati.

Ma la necessità aguzza l'ingegno 

e alla sera  venivano al fontanile

con un bel retino, 

lo mettevano giù sulla riva alla sorgente

e alla mattina presto lo tiravano su

pieno di pesciolini d'argento!

A casa c'era pronta la padella 

bella  bollente  pronta per farli arrostire

e con una fetta di polenta per uno 

ringraziavano il Signore,

e quella si che era una bella colazione!


E quando ero una ragazza io 

alla domenica pomeriggio

con le ragazze dell'oratorio e la suora Superiora 

venivamo al fontanile a raccogliere le viole

a correre su e giu dalla sorgente 

cantavamo ed eravamo tutte contente

allora non c'era pericolo di incontrare,

 i malviventi!

Alla sera però quelle più furbe 

venivano a passeggiare al chiaro di luna

e il fontanile diventeva la Costa Azzura.

Io però non sono mai venuta

ma alla mattina dopo  qualcuno diceva 

"oh  Rosetta cosa ti sei perso!"

Poi,  guarda come è rimasto

al funtanile  più nessuno ci ha pensato. 

Ma un bel dì,  quelli  del Prisma e i cacciatori 

parlando si sono domandati

"Ma il fontanile  che fine ha  fatto?"



Insieme con buona volonta si sono  messi

a cercare, a scavare, e a pulire, hanno trovato di tutto,

rifiuti, rovi, gramigna, robinia aggrovigliati insieme

all'edera, ma alla fine l'hanno trovata e la sorgente è resuscitata. 



Hanno lavorato un pò tutti e guarda che meraviglia

 hanno messo lì,

certo ci sono voluti un bel pò di soldi

dal Comune dalla Provincia, e la Regione

che alla fine, li diamo ancora noi!



E se quest'anno la solita zabetta mi domanderà:

"Dove vai a fare le ferie o Rosetta?" 

Ho la risposta pronta..

"Vado in costa azzurra

insieme ad altra gente,

a rimirare il fontanile 

che dalla sua sorgente

sono tornati a sguizzare tanti pesciolini d'argento!

 

 

I NOSTAR CAMPAN

di Rosetta Boniforti

*


(poesia del vedi revisione campane) 

Din don dan...Din don dan...
Ghe rivÓ i campan, ghe rivÓ i campan;
evan tutt incatramÓ
i Ŕn purtÓ via da lustrÓ,
ades ýn una belesa da guardÓ.

 

Darlin darlen...Darlin darlen...
Ga sona la campanela de la Santa Teresina
La mÓ dumanda par cunfessas;
 ga vegn Pasqua e Natal
e da tutt i pecÓ em da liberÓs.

 

Don...Don...Don...
Ga  sona la quarta, le da la Maria Dolente;
in i dun, ghe mort un quei ghidun,
disemig un requiem;
e quand sunarŔn anca par mi
da  requiem diseman tri.

 

Din don dan...Din don dan...
Sent che cuncert, sonan tutt'insema,
inscý sonan nonca in Dom.
LŔ  festa, lŔ Natal
Dunet,  metŔ dentar al capun in dal caldar.

 

Tirem su i ˛cc, guardem i nostar campan
A sbarlusisan lŔ una belÚsa da vidŔ!
E gent...demas da fa,
parchŔ ghi em anca da pagÓ.

A Pregnana gheva no la Funtana

di Rosetta Boniforti

* * *



(poesia del 2000 ) 





Al lunedý cun la mia mama
andevi al mercÓ da Rho, sý,
gheva i bancarei pien da caramei,
ma mi pudevi pu da rivÓ
in piaza San Vitur,
par vide la funtana che cunt al s¨,
la brileva e la feva tanti culur.
E quant turnevi indre
Rho - Pregnana a pe, i me ˛cc
brilevan e pensevi a la funtana,
<<O mama, chisÓ quand la faren
anca a Pregnana!!>>
Una bela funtanela cun quatar banchet
sa ripusarian i pensiuna e i veget,
quei ca po no andÓ ne al mar ne in muntagna
e inveci da piang parche ga toca sta a ca
i so ˛cc a guardala zampilÓ
ridarian e cuminciaran a brilÓ.
E i nostar fiurit ca podan no a 
giuga in bagn parche i so mam
a disan ca bagnan gio e fen i dagn,
pudarian puciÓ  i manit e guardÓ
ca fen al bagn anca i pasarit
e intanta ca guardan la funtana
a zampilÓ
a vidarium i so ugit a brilÓ
E i nostar fio e fradei
men furtuna, quei ca ga disan
i handicapaa,
quant ti porta in gesa e al cimiteri
te da purtai indre,
parche a Pregnana ghe pu nient da vidŔ.
Fegala la funtana!
E i purtarium a respirÓ un cicin
d'aria fresca, i fem seta gi˛
in su una bancheta
e a guardÓ la funtana a zampilÓ,
anca i so ˛cc, anca i so ˛cc
sarian bun da brilÓ.
L'altar dý sevum dre a fa un giret
par cercÓ un p˛ da fresc,
tutt an bot sum ferma ......
sum resta cunt la boca e i ˛cc sbareta,
e o pensa, le un miraggio!!
Pian, pian, o pucia dentar una man
gent lo tira fora bagna,
savevi no se piang o se rid,
e o vusa o vusa e men sent¨
fina in Paradis,
Mama a Pregnana ghem anca
nunc la Funtana!!

La mia cava

di Rosetta Boniforti

* *




(poesia del 1980) 

L'eva bela la mia cava
par andÓ gio ala surgent
gheva un bel santŔ
cunt una topia d'uga clinta
ca la catevum e la schiscevum cunt i pŔ,
par fa al bruschet da bev al dý di fest.

 

Sota la topia al mes da magg
ga marueva i magiostar matt,
a vess sincer savevan da nient
evan propi fat,
ma leva una festa a cercai in mess di frasc.
E i vior? parevan da vel¨
e ta p˛ girÓ tutt i fiurista 
ma inscý tan trova p¨.

 

Ma adess ghe pu nient, ne piant ne verd,
en quata sota tuscoss
e forsi ghe sota al c˛r e i oss di me gent!

 

Ma sa seri su i ˛cc,
la vedi anca mo la mia cava
cunt la sua surgent,
e in boca a senti al fa di magiostar,
a senti al prufum di vior da vel¨,
che insÓ tan trova p¨.

 

Ma cunsola pena al penser,
che al post dala surgent, farsi
en trua da laurÓ un p˛ da gent!!

Buon Natale

di Rosetta Boniforti

* * * 

(poesia del primo anno Maedtroni) 


Buon Natale, Buon Natale
MŔ car Pregnanes
Fermemas on moment,
femas i auguri cont un bell suris
e sarem pussÚe alÚgher.
                         
Buon Natale a tutt i autoritÓ
Ca sa den da fa par tucc al paes
E fÚmigh  "tanti aűguri"
Anca ai n˛star Pret. 
                      
Buon Natale a tutt i lauradur
E un auguri ca ga manca mai al laurÓ
Par pudŔ purtÓ sempar la paga in cÓ.
Buon Natale ai pensionÓ
Ca godan sempar un bon ripos
E la pension ca sin ben meritÓ.
   
Buon Natale a tutt i spusit
Cont i so fiurit
Che al Bambin al ga porta i bÚlee,
ai tusanet un pigottin
e ai mascett un bell cavallin.
                         
Buon Natale e un “grazie”
cont al cour in man, alle badanti
ca curan i n˛star marÓ
e ca stagan sempar de chi
parchŔ on dűman gh’hen da curÓ anca mi.
                         
Buon Natale, Buon Natale
A tucc al Mund
E che al Bambin
Al ma porta ona
PAS
Granda inscý
par tutt i ann ca da vigný.

 

 


Aldo Sioli


Ricordiamo con affetto il nostro amico Aldo Sioli scomparso martedý 23 gennaio 2007; lo ringraziamo per averci donato la sua magnifica arte

La scalmana

di Aldo Sioli

 
La... Pregnana... 
Ta seva bela, bruta...vegia e noeva
quanti paes ingir ta disevan insci!...
                       
..Adess ta ghe la scalmana!
                       
Tutt'i bei bosc
ca ta gaveva inturna 
cul Vilures e i so canalitt
pien d'acqua neta e bona de bev  
de ran, de campÚ e de pesitt... 
                      
...Adess ta ghe la scalmana!
                       
Ghe nas¨ cume i func
deposit ca spusa
cav de tutt'i culur
vunceria in tutt'i santÚ
serbatoi de f¨m e de vunc!...
 
...Adess ta ghe la scalmana!
                       
La tua gent, qui noev e qui vecc,
i furestÚe e l'AutoritÓ Comunal
vusman, scunfian al nas...e
tasan tucc
cume sa fussan adrÚ al toÚ funeral!!
 
...Adess ta ghe la scalmana!  

ę GIORGIOWEB.com

 

email
scrolling giorgioweb